Guardia di Finanza in lutto: non ce l’ha fatta il maresciallo Giovanni Lavalle

Lutto tra le Fiamme Gialle. La Guardia di Finanza piange la scomparsa del Maresciallo Ordinario Giovanni Lavalle.

Giovanni Lavalle lascia una moglie e due tre figli piccolissime.

Il Maresciallo, investigatore stimato, si è spento nella serata del 5 Maggio a causa di un male incurabile. Aveva appena 33 anni.

Il finanziere era nato a Varese nel 1986 e avrebbe compiuto gli anni a breve.

Giovanni Lavalle si era arruolato a 24 anni, dopo aver frequentato il corso di formazione alla Scuola Ispettori e Sovrintendenti dell’Aquila.

Per anni, a partire dal 2013, ha effettuato servizio presso il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Parma, diventando un punto di riferimento e molto stimato dai colleghi e dalle istituzioni locali.

Giovanni, nei lunghi anni trascorsi a Parma aveva operato in prima linea in importantissime indagini di polizia giudiziaria ed economica.

Si era trasferito a Livorno ad inizio anno. La città lo aveva accolto serenamente: già conosciuta grazie al padre che prima di lui aveva indossato l’uniforme della Guardia di Finanza.

Tutti coloro che lo conoscevano lo ricordano per le “fiamme gialle cucite sul petto”. Di Giovanni Lavalle si narra la generosità d’animo, la disponibilità e il sorriso verso gli altri.

I colleghi e la redazione si stringono nel dolore dei familiari tutti e in particolar modo della moglie Antonella e delle figlie, Nicole di 3 anni, Chantal e Melissa.