USA, arrivano i Covid-party: le feste per ammalarsi e diventare immuni

Le autorità statunitensi lanciano l’allarme: in aumento i cosiddetti “Covid-19 party”, eventi in cui persone sane si mischiano con persone positive al coronavirus al fine di essere volontariamente contagiati. L’assurda moda si sta diffondendo nello stato di Washington, focolaio iniziale della pandemia negli USA, dove il numero dei contagiati ha raggiunto 15 mila unità con 834 vittime. “E’ inaccettabile ed irresponsabile – ha dichiarato Meghan DeBolt, direttrice dell’assessorato alla Sanità della contea di Walla Walla – esporsi deliberatamente ad un contagio è rischioso per chi lo fa e per gli altri“.

L’idea dei Covid-party sembra aver preso piede dopo che le autorità sanitarie di tutto il mondo hanno iniziato  a considerare l’idea dei “passaporti d’immunità”, un documento che attesterebbe l’assenza di rischio di contagio in coloro che, già contagiati e successivamente guariti, di viaggiare o di tornare a lavoro in tempi più stretti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate