Sedici cani abbandonati: rinchiusi senza luce, acqua e cibo

Sedici cani abbandonati in un canile abusivo: carabinieri denunciano la proprietaria.

Sedici cani, tra cui anche alcuni cuccioli, chiusi in uno stanzone senza luce. Succede a Chieri, in provincia di Torino. A raccontarlo è l’Arma dei Carabinieri sui canali ufficiali social.

Numerosi cani tra cui anche alcuni cuccioli, spiega l’Arma all’adnkronos, chiusi in uno stanzone senza luce e con una sola finestra, senza né acqua né cibo. Abbandonati e reclusi in una cascina a Chieri, da una donna  proprietaria del rudere, al momento fuori regione per un impegno personale. A scoprire il ‘canile abusivo’ sono stati i carabinieri di Chieri e le guardie zoofile che sono intervenuti per salvare gli animali.

Nel corso del sopralluogo dei militari dell’Arma, in collaborazione con i medici veterinari dell’AslTo 05 e le guardie zoofile, si è proceduto a liberare e rifocillare con cibo e acqua i cani. Si tratta di 15 meticci e 1 pastore tedesco, tutti età compresa tra 6 mesi e 3 anni. Tutti i cani erano sprovvisti di microchip di identificazione

La proprietaria della cascina è ora denunciata per maltrattamento di animali e sanzionata sia per la mancata registrazione degli animali, tutti senza microchip, che per le condizioni fatiscenti della struttura in cui erano rinchiusi. Gli animali quindi portati al canile di Chieri e in altri rifugi della provincia.

Cani abbandonati

LEGGI ANCHE: Va in vacanza e lascia il cane solo sul balcone

Il post dei Carabinieri su Instagram

“Sedici cani, tra cui anche alcuni cuccioli, chiusi in uno stanzone senza luce e con una sola finestra, senza né acqua né cibo. A scoprire il “canile abusivo” sono stati i Carabinieri di Chieri e le guardie zoofile, intervenuti per salvare gli animali (di età compresa tra 6 mesi e 3 anni), tutti sprovvisti di microchip di identificazione.

La proprietaria della cascina è stata denunciata per maltrattamento di animali e sanzionata anche per la mancata registrazione. Tutti i cani sono ora accuditi presso il canile di Chieri e in altri rifugi della provincia.”

LEGGI ANCHE: “Cercava in ogni auto il suo padrone”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate