Coronavirus, caos al Cardarelli: parenti in fila per avere notizie sui propri cari

Decine e decine di persone, accalcate all’esterno dell’ospedale Cardarelli di Napoli: sono i parenti delle persone ricoverate nel nosocomio partenopeo che attendono, o sperano, di ricevere notizie dei loro cari. Nonostante molti di loro indossino le mascherine, il distanziamento che bisogna osservare in questo periodo di pandemia da Coronavirus non viene sempre rispettato, vista la quantità di persone in fila fuori dall’ospedale. Non il modo migliore per gestire la situazione, da parte dell’ospedale, in un momento di emergenza sanitaria come questo, è il pensiero di Marco Gaudini, consigliere dei Verdi al Comune di Napoli, che sulla sua pagina Facebook pubblica le foto della ressa all’esterno del Cardarelli.

“Ospedale Cardarelli di Napoli… Fila per parlare con i medici ed apprendere notizie relative ai propri cari ricoverati. In molti, quasi tutti per la verità, hanno la mascherina, ma non credo sia questa la modalità nel nosocomio più importante del sud Italia per gestire l’afflusso dei parenti dei degenti! In questo modo si espone il personale sanitario, nella migliore delle ipotesi, all’esasperazione della gente e si rischia di diffondere il virus tra le persone in attesa. Credo che si debba partire anche da queste cose per dare un servizio migliore ai cittadini e mettere in condizione i medici e gli operatori sanitari di lavorare in serenità! Mi piacerebbe che gli strilloni, i denunciatori da competizione che hanno però ruoli di responsabilità, iniziassero ad occuparsi anche di questo! Noi lo faremo in prima persone e come sempre ci metteremo la faccia” scrive il consigliere comunale sul social network, a corredo delle fotografie pubblicate.