Trovato nel cuore della notte. Bimbo di tre anni assistito dai Carabinieri

Una storia a lieto fine in provincia di Modena la scorsa notte.

Protagonista di questa storia a lieto fine è il piccolo Leo (nome di fantasia) di appena tre anni. La scorsa notte il piccolo Leo si è svegliato e, usando uno sgabello e aprendo la porta di casa.

Uscito dal portone senza che i genitori potessero accorgersi di nulla, ha camminato per diverso tempo, quasi un chilometro.

Notato da una donna che passava i quel momento, sono stati allertati i Carabinieri. Sul posto trovano il piccolo di tre anni. Lo prendono con loro e lo riparano con una loro veste.

Portato in caserma e assistito, mangia qualche merendina e parla dei suoi personaggi preferiti, di fantasia, mentre i Carabinieri cercano di capire da dove arrivi quel bambino.

Non ci vuole molto, una mezz’ora circa. Il cancello dell’abitazione è aperto, come il portone d’ingresso. Così i Carabinieri si recano a casa avvisando la coppia che, dormendo (era piena notte) non si era accorta di niente.

La storia si è conclusa con un abbraccio. Il piccolo, il mattinata ha voluto incontrare i suoi “angioletti”, come li ha chiamati, per ringraziarli e consegnargli una sua foto incorniciata accompagnata da un biglietto che il padre ha scritto sotto dettatura: “grazie per quello che avete fatto, siete speciali”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate