Spagna. Sanchez annuncia l’esercito contro la pandemia

Eʼ Saragozza la prima città spagnola a mettere in campo una pattuglia per il controllo della quarantena. Speranza al governo di Madrid: “Dobbiamo continuare a lavorare insieme”

Il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha annunciato che, contro la pandemia da coronavirus, in Spagna verrà impiegato l’esercito.

I numeri del contagio nella penisola iberica stanno salendo a ritmi vertiginosi: negli ultimi tre giorni si sono contati oltre 20mila nuovi casi e in tutto il Paese i positivi sono oltre 400mila.

Il premier spagnolo, Pedro Sanchez, ha annunciato la decisione di ricorrere all’esercito per aiutare le regioni nella lotta al coronavirus, alla luce del forte incremento di casi registrato nelle ultime settimane nel Paese iberico.

“Il governo spagnolo va a mettere a disposizione delle regioni degli effettivi delle forze armate per effettuare il tracciamento” dei casi, ha affermato durante un discorso alla tv, precisando che saranno coinvolti 2 mila soldati.

La maggioranza del territorio spagnolo è considerata da gran parte dei Paesi dell’Europa centrale e orientale una zona a rischio per i contagi, con l’imposizione di conseguenza di misure restrittive per i viaggiatori. Finora la Spagna ha registrato oltre 405 mila casi e quasi 29 mila morti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate