Bocciato l’ospedale Covid, c’è un piano per trasformare la Fiera di Milano in poliambulatorio

Regione Lombardia e l’ospedale Policlinico di Milano stanno studiando un piano per dare una “nuova vita” all’ospedale covid alla Fiera di Milano. La maxi struttura per la terapia intensiva, costata una ventina di milioni di euro e definita da Guido Bertolaso “un’astronave”, è stata utilizzata in primavera per poche decine di pazienti, prima di essere chiusa. Lo spazio rimane però allestito e il Pirellone cerca ora nuove idee per sfruttarlo. L’idea è quella di creare un poliambulatorio da utilizzare in base alle esigenze.

Nuovo piano per l’ospedale in Fiera: Regione Lombardia pensa di trasformarlo in poliambulatorio
Dopo il flop, le indagini e le conseguenti polemiche sul presunto spreco di risorse, viene quindi accantonata l’idea dell’ospedale Covid sviluppata a marzo nelle settimane del picco dell’emergenza, come grande hub per la rianimazione dei pazienti gravi. La riunione per decidere il futuro della Fiera sarebbe fissata per la prossima settimana, secondo quanto riportato da AdnKronos.

Dopo le polemiche “congelata” l’idea del grande hub per la terapia intensiva
Già nelle scorse settimane si era parlato di una trasformazione della struttura, sull’esempio di quanto è stato fatto per la Fiera di Bergamo, trasformata da centro di terapia intensiva ad ambulatorio per le visite ai pazienti covid in via di guarigione. Un’altra possibilità presa in considerazione è quella di usare gli spazi anche per la campagna di tamponi al personale della scuola in vista del rientro a settembre. In ogni caso verrebbero mantenuti i posti di terapia intensiva, sia per non gettare via gli investimenti fatti per crearli, sia perché sono conteggiati tra i letti a disposizione del sistema regionale.

In Lombardia i nuovi casi positivi rilevati nelle ultime 24 ore sono 74 (dei quali 4 a seguito di test sierologici e 14 debolmente positivi) su 7.174 tamponi effettuati. Aumenta di un’unità il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva, che sono 11, mentre sono cinque i nuovi pazienti ricoverati negli ospedali con sintomi lievi, per un totale di 170.