ll questore di Torino: “troppi violenti tra gli stranieri, i miei agenti sempre più a rischio”

“Troppi violenti tra gli stranieri, i miei agenti sempre più a rischio”. In un anno una settantina i poliziotti feriti tra le volanti, un’altra trentina tra i commissariati dislocati sul territorio “anche gli italiani reagiscono, soprattutto dopo il lockdown”.

Sono pesanti le affermazioni del Questore di Torino Giuseppe De Matteis e che tiene a precisare “non è razzismo, temo per i miei agenti”. La denuncia sulle pagine della Stampa di Torino.

“A Torino arrestiamo quattro volte più che nel 2015”. Sono dati sconcertanti quelli comunicati dal Questore in un’intervista alla Stampa. Una media di 220 persone al mese, per la maggior parte, si legge sul quotidiano, per reati legati agli stupefacenti.

La violenza della strada e la difficolta nel controllare l’immigrazione – “se non fossero così aggressivi e violenti la nostra attività si ridurrebbe del 45%. Il problema non è il razzismo o sembrare razzisti” dice il questore incalzato dal giornalista“bisogna affrontare il tema dell’immigrazione in modo intelligente, senza cadere in strumentalizzazioni”.

L’ultimo episodio – Appena qualche giorno fa – il 6 Agosto per la precisione – un poliziotto fuori servizio è stato preso a pugni al momento di intervenire a difesa di alcuni cittadini intenti a fare la spesa, molestati, ed uno rapinato del portafogli. Arrestato e liberato dopo appena 48 ore. E’ uno dei tanti casi portati come esempio anche dallo stesso dirigente.

Il Questore Giuseppe De Matteis, foto de La Stampa

La mancanza di deterrente“il caso avvenuto pochi giorni fa è emblematico, il senso dello Stato è ignorato”.

E ancora numeri – “Dal Luglio 2019 all’Agosto 2020, le volanti della Questura hanno fatto 6409 interventi” di cui, spiega il Questore “2887 stranieri”.

Sullo spaccio, la modica quantità ed il sovraffollamento delle carceri“il problema non è di facile soluzione” spiega che si dovrebbero adottare “sanzioni economiche. Gli spacciatori le temono di più. Il procedimento penale non porta da nessuna parte”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate