Roma, blitz contro una cellula anarchica responsabile di attentati: 7 arresti

Sono sette le persone arrestate a Roma per associazione con finalità di terrorismo ed eversione dell’ordine democratico, atto di terrorismo con ordigni micidiali ed esplosivi. I sette avrebbero costituito una cellula eversiva anarco-insurrezionalista che aveva come base un centro sociale di Roma. Uno degli arrestati, stando a quanto si apprende, sarebbe tra i responsabili dell’attentato alla Stazione dei carabinieri di Roma San Giovanni del 2017.

La cellula aveva diversi contatti con gruppi stranieri tra cui Germania, Grecia e Cile. Tra le sette persone arrestate, Claudio Zaccone, 33enne messinese, Roberto Cropo, 34enne torinese, Flavia Di Giannantonio, 39enne romana, Nico Aurigemma, 30enne romano, Francesca Cerrone, 31enne trentina, arrestati con l’accusa di aver costituito una cellula eversiva di matrice anarchica insurrezionale, con base nel centro sociale “Bencivenga Occupato” di Roma.

Secondo gli investigatori, si trattava di un nuovo gruppo d’azione che aveva elaborato un programma eversivo, esplicitato in un documento clandestino dal titolo “Dire e sedire” destinato ai compagni affini per ideologia, con cui portare avanti una “conflittualità viva e accesa”. Il gruppo mirava poi, col tempo, a dare vita ad un vero e proprio movimento insurrezionalista.

 

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate